Provinciale

                                                                                                                                   
                                                                                              
                                                                                                    36100   VICENZA


                   Piazza Duomo 2  

                                                                                                                            ------------------------------------------------

                                                                                                                           


C.I.F.  -  Centro Italiano Femminile

Chi siamo

Il CENTRO ITALIANO FEMMINILE PROVINCIALE DI VICENZA, fondato nel 1946, è un'associazione di donne che opera in campo civile, sociale e culturale per contribuire alla costruzione di una democrazia solidale e di una convivenza fondata sul rispetto dei diritti umani e della dignità della persona secondo lo spirito e i principi cristiani.

Il CIF è un'associazione senza fini di lucro, ed è soggetto autonomo rispetto ai partiti politici e a qualsiasi altro movimento. Stabilisce rapporti di collaborazione con istituzioni, enti e associazioni sia pubbliche che private per il perseguimento delle finalità associative.

Scopi e finalità

Il CIF si propone come proprie finalità di:

  • contribuire alla crescita e allo sviluppo delle persone e delle singole comunità in ordine alla vita sociale, culturale e politica;
  • operare per il raggiungimento di una cultura e di una democrazia paritarie in cui sia pienamente riconosciuta la dignità della donna;
  • promuovere la presenza e la partecipazione delle donne alla vita delle istituzioni, sensibilizzando l'opinione pubblica sui problemi della condizione femminile;
  • operare affinché sia superata ogni forma di discriminazione e sia svolta una politica di pari opportunità;
  • collaborare affinché siano garantiti i diritti di tutti i soggetti sociali nel rispetto dei principi costituzionali;
  • agire nelle  sedi opportune con tutte le iniziative possibili per tutelare la famiglia esostenerla nei suoi compiti

Risultati immagini per FESTONE GIF

Breve storia della città di Vicenza
    
                                          



Vicenza è una fra le più antiche città del Veneto, ma la sua storia anteriore alla dominazione romana è poco nota. Sembra che sia stata fondata dagli Euganei: certo è che i Galli la tennero, poi, in loro dominio fino al 157 a.C., anno in cui fu annessa a Roma e chiamata “Vicetia” o Vincentia”. Durante l'impero romano prosperò sotto Adriano. Fu devastata poi dai Barbari, ma risorse coi Goti e fiorì sotto i Longobardi e i Franchi.
Nel 1001 divenne principato vescovile; mosse varie guerre alle città vicine dal XII al XIV secolo e cadde di signoria in signoria, finché nel 1404 si diede a Venezia.
Il Cinquecento fu il suo secolo d'oro. Il Patriziato ricco, che già nel periodo del Rinascimento aveva cominciato ad edificare bei palazzi, nel secolo XVI arricchì la città di magnifici monumenti architettonici dovuti, in gran parte, ad Andrea Palladio, uno fra i più grandi architetti del 500, ed ai suoi discepoli e successori.
Dopo il periodo napoleonico, Vicenza passò all'Austria nel 1813; insorse nel 1848 e i vicentini opposero eroica resistenza a Monte Berico. Nel 1866 fu unita al Regno d'Italia.
Città di retrovie durante la prima guerra mondiale, soffrì bombardamenti aerei: la bandiera del Comune, già fregiata di medaglia d'oro nel 1848, ricevette le croci di guerra italiana e francese


Villa "La Rotonda" di Andrea Palladio

   

“Forse mai l'arte architettonica ha raggiunto un tal grado di magnificenza"

(J. W. Goethe, scrivendo della visita a La Rotonda)

La Rotonda non è una villa. E’ qualcosa di più.

Nei secoli è stata visitata da poeti ed artisti, regnanti e uomini di stato, studiosi e amanti dell’arte, viaggiatori e turisti.

A tutti La Rotonda ha donato un’emozione indimenticabile,

quel senso di armonia e grazia a cui si risponde con un sorriso, con un silenzio.

Dopo 500 anni, La Rotonda oggi è sempre un luogo di pura bellezza che vi aspetta per trasmettere ispirazione, cultura, gioia.





                                                                            Basilica Palladiana



La Basilica Palladiana è l’edificio simbolo di Vicenza, vertice fra i più alti della creatività di Andrea Palladio, iscritto dall'Unesco fra i beni patrimonio dell’umanità.
In pietra bianca di Piovene, la Basilica si alza maestosa sul lato sud della piazza dei Signori, cuore e salotto della città.
Dal 2007 ad ora la Basilica Palladiana è stata oggetto di un complesso ed articolato intervento di restauro (architettonico, funzionale,  impiantistico)  con il duplice obiettivo, da un lato, di preservare la notorietà e le straordinarie qualità figurative e spaziali del monumento, dall’altro, di restituire alla città il suo edificio simbolo, garantendo il pieno utilizzo e la funzionalità del complesso, per la realizzazione di eventi culturali ed esibizioni di alto livello.
Grazie alla sua centralità urbana, per la sua collocazione simbolica tra il “cuore” della Piazza dei Signori e il “ventre” della Piazza delle Erbe, nonché per la sua destinazione pubblica, la fabbrica palladiana è dunque destinata a diventare il più importante polo culturale e di interesse turistico della città di Vicenza.
La Basilica Palladiana verrà restituita ai vicentini nel 2012, trasformata in moderno contenitore culturale, arricchita di nuove, inedite funzioni (culturali, commerciali, informative, civiche).
Ad inaugurare l’edificio sarà, il 6 ottobre 2012, una straordinaria esposizione intitolata: “Raffaello verso Picasso - storie di sguardi, volti e figure”, curata da Linea d’Ombra in collaborazione con il Comune di Vicenza. L’esposizione di caratura internazionale presenterà più di 80 opere pittoriche e in parte scultoree di autori di pregio, oltre a innumerevoli capolavori.
Ugualmente eccezionale, per la qualità degli autori e delle opere presentate, oltre che per la ricchezza dei percorsi proposti, sarà la seconda mostra – sempre curata da Linea d’Ombra - che verrà allestita nel 2014 e che sarà dedicata al paesaggio.
 
   

                                                                                                Teatro Olimpico



Il teatro olimpico, Capolavoro e opera estrema di Andrea Palladio, cui fu commissionato nel febbraio 1580 dall'Accademia Olimpica, sodalizio di composita estrazione sociale costituitosi a Vicenza nel 1555 con finalità culturali e scientifiche, di cui lo stesso Palladio era socio. La costruzione fu iniziata nel maggio 1580, ma Palladio non ne vide la realizzazione, per l'improvviso sopraggiungere della morte. L'Olimpico, dopo varie e complesse vicende, fu completato cinque anni più tardi e venne solennemente inaugurato il 3 marzo 1585 con la memorabile messa in scena dell'Edipo Tiranno di Sofocle.
Al Teatro si giunge attraverso l'Odeo e antiodeo, due ampie sale realizzate da Vincenzo Scamozzi e decorate rispettivamente da affreschi di Francesco Maffei raffiguranti divinità e figure allegoriche (1637 ca) e da un fregio monocromo di rilevante interesse documentario (1595 ca), riproducente allestimenti teatrali curati dall'Accademia prima della costruzione dell'Olimpico (Amor costante, Sofonisba) e spettacoli o manifestazioni ospitate all'interno del nuovo teatro (Edipo Re, ambasceria dei legati giapponesi).
All'interno di uno spazio chiuso che vuole simulare l'ambientazione all'aperto dei teatri classici, Palladio dispone una monumentale scenafronte fiancheggiata da due ali o versure e una cavea semiellittica di tredici gradoni, conclusa alla sommità da un'esedra a colonne, in parte aperta in parte a nicchie entro muro. Nei tabernacoli e sui plinti della struttura architettonica sono collocate le statue degli Accademici committenti del Teatro, abbigliati all'antica. Nell'ordine più alto una serie di splendidi bassorilievi raffiguranti Storie di Ercole, di Ruggero Bascapì Al di là delle tre aperture della scenafronte si staccano le prospettive lignee raffiguranti le vie di Tebe, realizzate da Vincenzo Scamozzi per lo spettacolo inaugurale dell'Edipo Tiranno e divenute fisse e immutabili nel tempo.
  Breve Storia del Teatro Olimpico
Attorno al 1580 l'Accademia Olimpica di Vicenza, circolo culturale aristocratico
  nato qualche decennio prima dalla fusione di Vari analoghi organismi cittadini,
  diede incarico ad Andrea Palladio, architetto illustre nonché accademico,
  di progettare uno spazio teatrale per rappresentazioni e cerimonie da edificarsi
  nell'antica area del Castello del Territorio, all'estremità est della
  zona storica della città.
  Il progetto doveva programmaticamente ispirarsi al modello di teatro "all'antica",
  sulla scia della riscoperta rinascimentale degli studi di Vitruvio, e nel contempo
  fungere da luogo autocelebrativo per l'aristocrazia Vicentina, ispirandosi agli
  stessi ideali classici
Vagheggiati dai componenti dell'Accademia.
  Il Palladio completò il progetto del Teatro ma non fece in tempo a portarne
  a termine la realizzazione, che fu affidata all'architetto Vicentino Vincenzo
  Scamozzi: questi Vi aggiunse le scenografie per lo spettacolo inaugurale (quelle Visibili ancora oggi) e le adiacenti sale dell'Odèo e dell'Antiodèo.



                                                                   Nuovo Teatro Comunale Città di Vicenza



Il Teatro Comunale Città di Vicenza è stato progettato dall'architetto Gino Valle ed è stato inaugurato il 10 dicembre 2007.
Il Teatro Comunale si affaccia su viale Mazzini e via dei Cairoli.
La superficie totale dell’edificio è di 5500 metri quadrati.
L’esterno è caratterizzato da un rivestimento in mattoni a faccia vista e fasce in pietra bianca di Vicenza che dialogano con le vicine mura scaligere.



 











 


 
























 





 

I